Passa ai contenuti principali

Chi é Nino?

Prima di raccontarvi chi é Nino. Dobbiamo fare una premessa.

Quante volte i bambini rifiutano di assaggiare un piatto... quante volte non si vogliono sedere a tavola… e quante volte fissano con sguardo disarmato un piatto che vedono troppo pieno?
E se smettono completamente di mangiare? O se al contrario cercano continuamente il cibo come senza sentire mai appagamento? Sono richieste di attenzione? Sono capricci? Affermano il loro io?
Esprimono un disagio più profondo? Fino a quando è lecito lasciar correre e quando invece è opportuno preoccuparsi? Quali strumenti hanno i genitori per affrontare situazioni di conflitto?
Quali sono le figure professionali di riferimento?

Le domande sono davvero infinite; sarebbe strano non porsi tutti questi quesiti.

Questo progetto nasce per dare importanza al confronto, per non far sentire nessuno da solo. Serve per provare a far cambiare lo sguardo con il supporto di professionisti competenti. Vuole dare conforto e una direzione.
Quando si vive un conflitto in ambito alimentare con i bambini, spesso ci si sente disarmati. Spesso il cibo diventa un vero e proprio tabù e le dinamiche ancora più complicate.
Tra i primi passi utili è necessario ripristinare un dialogo in un terreno lontano dai conflitti ormai instaurati a tavola. Cosa possiamo fare allora? E' proprio qui che entra in gioco Nino.

Nino è il protagonista delle nostre storie.

Un bambino con le sue preoccupazioni, le sue paure. Paure da bambino, certo, ma pur sempre paure. Nino le rappresenta in tutte le sue sfaccettature.
Sono storie che nascondono tra le parole piccoli e grandi segreti. Vogliono essere spunti, idee. Forse vi ritroverete in dinamiche familiari o forse no. Forse vi sembrerà di conoscere questo Nino da sempre o forse imparerete a conoscerlo piano piano.
In tutti i racconti si parla di cibo, questa è proprio la chiave per aprire un varco in un confine eretto a fortezza invalicabile.
Nino si trova spesso immerso in una realtà che fatica a riconoscere, che non riesce bene a comprendere. Poi un evento, o un personaggio, riesce ad aiutarlo dandogli la chiave per una consapevolezza nuova.

Attraverso le storie di Nino sarà più semplice trovare una nuova direzione nella vostra relazione. Queste storie servono a voi genitori come primo approccio con il vostro Nino. Un filo invisibile per una nuova strada.

Nino può aiutare ad attraversare un confine tracciato, rendendo possibile il dialogo tra adulto e bambino.

Perché? Perché Nino può essere nostro figlio, la nostra nipotina o la figlia di una nostra cara amica; Nino posso essere io e io posso cambiare le cose.


Nino sono io.
#ninosonoio

Commenti

Post popolari in questo blog

Sono la mamma di Viola...

Sono la mamma di Viola che ha 4 anni. Abbiamo un rapporto difficile con le arance. Quando aveva solo 2 anni un giorno le è andato di traverso qualche pezzetto e, anche se per fortuna non ha avuto problemi di soffocamento, e credo proprio che si sia spaventata . Da allora le arance e i mandarini li guarda con grande sospetto e non riesco proprio a convincerla a assaggiarli. (Veronica)  

Il gusto: come si sviluppa e come influenza le nostre scelte alimentari

Cosa influenza la nostra percezione del cibo?   Le caratteristiche legate strettamente agli alimenti come sapori, profumi, temperature e consistenze, colori e aspetto , ma anche tutte le sensazioni che accompagnano ogni esperienza nutrizionale come per esempio suoni, abitudini, esperienza pregressa, emozioni e stato d’animo.  Quindi in parole semplici: alcuni alimenti possono risultare gradevoli o meno per le sensazioni fisiche che ci regalano ma anche per il contesto emotivo in cui li conosciamo. Partiamo dal presupposto che la ricerca di cibo rappresenta un' ancestrale spinta vitale per la sopravvivenza e, tra le sensazioni emotive che accompagnano la degustazione di un pasto, emerge spesso il piacere come soddisfazione di questo impulso . Creare un rito gradevole e rassicurante, dalla scelta degli ingredienti alla preparazione e alla cura dell'ambiente e della compagnia, può aiutare a vivere l'esperienza del pasto come un'esperienza sensoriale significativa e

Un circolo vizioso da interrompere

A volte il rifiuto di particolari cibi è dovuto a una situazione ben precisa, come ad esempio dopo ad una congestione (più che comprensibile!), o semplicemente dopo aver mangiato un piatto ed aver poi rimesso. Il dolore di un forte mal di pancia o il disgusto del vomito si possono associare al piatto mangiato, volendolo poi evitare le volte successive. Credo che sia esperienza di molte persone non voler mangiare un piatto che ci ricorda situazioni spiacevoli. In questi casi è normale attendere del tempo, evitando di insistere perché sarebbe inutile. Ma se la scelta di non mangiare un cibo si espande a cibi simili, allora in questo caso potrebbe essere importante intervenire. Ad esempio un bambino può essere stato male mangiando la pasta con il sugo di pomodoro e successivamente potrebbe non voler più mangiare la pizza, le lasagne e altri piatti di cui era goloso, per la paura di stare male proprio perché c’è il sugo di pomodoro. In questi casi la paura fa evitare un cibo, ma il reitera