Passa ai contenuti principali

Eccoci finalmente online!

Eccoci finalmente online!


Prima di raccontarvi chi é Nino. Dobbiamo fare una premessa.

Quante volte i bambini rifiutano di assaggiare un piatto... quante volte non si vogliono sedere a tavola… e quante volte fissano con sguardo disarmato un piatto che vedono troppo pieno?
E se smettono completamente di mangiare? O se al contrario cercano continuamente il cibo come senza sentire mai appagamento? Sono richieste di attenzione? Sono capricci? Affermano il loro io?
Esprimono un disagio più profondo? Fino a quando è lecito lasciar correre e quando invece è opportuno preoccuparsi? Quali strumenti hanno i genitori per affrontare situazioni di conflitto? Quali sono le figure professionali di riferimento?


Le domande sono davvero infinite; sarebbe strano non porsi tutti questi quesiti.

Nino nasce per dare importanza al confronto, per non far sentire nessuno da solo. Serve per provare a far cambiare lo sguardo con il supporto di professionisti competenti. Vuole dare conforto e una direzione.
Quando si vive un conflitto in ambito alimentare con i bambini, spesso ci si sente disarmati. Spesso il cibo diventa un vero e proprio tabù e le dinamiche ancora più complicate.
Tra i primi passi utili è necessario ripristinare un dialogo in un terreno lontano dai conflitti ormai instaurati a tavola. Cosa possiamo fare allora? E' proprio qui che entra in gioco Nino.

Nino è il protagonista delle nostre storie.

Un bambino con le sue preoccupazioni, le sue paure. Paure da bambino, certo, ma pur sempre paure. Nino le rappresenta in tutte le sue sfaccettature.
Sono storie che nascondono tra le parole piccoli e grandi segreti. Vogliono essere spunti, idee. Forse vi ritroverete in dinamiche familiari o forse no. Forse vi sembrerà di conoscere questo Nino da sempre o forse imparerete a conoscerlo piano piano.
In tutti i racconti si parla di cibo, questa è proprio la chiave per aprire un varco in un confine eretto a fortezza invalicabile.
Nino si trova spesso immerso in una realtà che fatica a riconoscere, che non riesce bene a comprendere. Poi un evento, o un personaggio, riesce ad aiutarlo dandogli la chiave per una consapevolezza nuova.

Attraverso le storie di Nino sarà più semplice trovare una nuova direzione nella vostra relazione. Queste storie servono a voi genitori come primo approccio con il vostro Nino. Un filo invisibile per una nuova strada. Nino può aiutare ad attraversare un confine tracciato, rendendo possibile il dialogo tra adulto e bambino.

Perché? Perché Nino può essere nostro figlio, la nostra nipotina o la figlia di una nostra cara amica; Nino posso essere io e io posso cambiare le cose.

Cosa potete trovare? L'opportunità di cambiare sguardo e un supporto concreto per affrontare piccole o grandi sfide a tavola, senza sentirsi soli e disarmati.

Nel concreto cosa vi aspetta? 
Il primo martedì del mese troverete una nuova storia di Nino.
Tutti i martedì seguenti avrete a disposizione delle ricette speciali alternate ad esperienze dirette che avete voluto condividere con noi.
I giovedì troverete la parola degli esperti con articoli scritti da diversi collaboratori.
Il sabato, solo per i nostri follower Instagram, suggerimenti di libri a tema, indicazioni per eventi specifici legati all'alimentazione del bambino e tanti aforismi da condividere.

Volete saperne di più?
Seguiteci su Instagram @nino.sono.io 

Avete già un'esperienza da condividere? 
Sei un professionista e vuoi ampliare la nostra rete?
Sei un genitore e hai bisogno di consulenza?

Scrivici progetto.ninosonoio@gmail.com

A voi, ma proprio tutti...benvenuti nel mondo di Nino!


Commenti

Post popolari in questo blog

Oggi Nino non ha fame

La sveglia suonò. Il suono era sempre lo stesso da quando Nino era nato.  Che suono? Il canto del gallo, naturalmente.  Alla mamma di Nino piaceva tanto svegliarsi con qualcosa che le ricordasse la sua infanzia. Era cresciuta in una fattoria d’altronde.  Ogni mattina si avvicinava al lettino di Nino, gli faceva una carezza e apriva la finestra per far entrare i raggi del sole.  - Forza pigrone, è ora di andare a scuola! Sì, Nino era davvero un pigrone.  Aveva proprio ragione sua mamma; lui adorava temporeggiare tra le lenzuola con il sole caldo sul viso.   La colazione lo attendeva a tavola; una super tazza di latte con cannuccia colorata e una fumante brioche al cioccolato.  Quella mattina però, quella brioche, era davvero gigante.  Immensa, grandissima, più grande del tavolo!  Nino fissava sorpreso quell’enorme brioche, incredulo nonostante l’evidenza.  Ma com’era possibile!?  - Dai, Nino mangia in fretta che dobbiamo andare a scuola! - gli disse la mamma.  Fermo immobile e con gli

Polpette di Miglio

Foto di Agnese Libanore - Starlet_eyes Ingredienti: 30 gr di miglio 150 ml di acqua 150 gr di verdure di stagione (es. carote, finocchi, biete) 1 uovo o 100 gr di tofu pangrattato di riso quanto basta 1 pizzico di curcuma 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva Preparazione: Pulite le verdure e cuocete a vapore per 20 minuti. Lavate il miglio e cuocetelo in una quantità di acqua circa il doppio del suo volume, per 15-20 minuti. Lasciate raffreddare poi impastate le verdure cotte e schiacciate, il pangrattato, l’uovo (o il tofu) e la curcuma. Formate le polpette, posizionatele su una teglia e condite con un filo di olio. Lasciate dorare in forno (15 min a 180 °C) oppure su padella antiaderente. Perchè proporlo... Il miglio è un cereale ricco di carboidrati e di proteine. E' aglutinato quindi la ricetta è utile anche per chi deve seguire una dieta priva di glutine. Ben cotto è molto morbido e si adatta bene alla preparazione di polpette dalla consistenza omogenea. La prese