Passa ai contenuti principali

S come Sperimentare!

Ogni esperienza nutrizionale è ricca di emozioni, relazioni e stimoli sensoriali che coinvolgono appunto olfatto, tatto, visto, udito e, nel loro insieme...gusto!

E quando non siamo in equilibrio con le nostre emozioni? Quando ci troviamo a vivere dei conflitti che attraversano le relazioni? Può essere particolarmente utile concentrarsi sugli aspetti fisiologici e sensoriali.

In particolare i colori hanno un ruolo molto importante nella percezione del cibo e nell'appetibilità di un piatto. Diversi studiosi confermano che i colori sono in grado di trasmettere effetti psicologici ed emotivi che variano da persona a persona. Ecco perchè ognuno di noi può essere attratto o rifiutare un determinato alimento definito con uno specifico colore.

Vi offro un semplice gioco da proporre ai vostri bambini.


Prova a scegliere uno dei colori che trovi qui di fianco, indica quello che ti colpisce di più senza pensarci troppo, poi leggi sotto il significato dei colori. 

Vedrai che la tua risposta potrà cambiare nella giornata o tra qualche settimana!

Chiedilo anche ad un amico o ai tuoi genitori...sarà divertente!



Ecco il significato dei colori (liberamente estratto e semplificato da 'Test dei colori di Max Luscher'):

BLU è segno di tranquillità

VERDE esprime sicurezza di sè

ROSSO è segno di energia

GIALLO esprime gioia

VIOLA è segno di fantasia

ARANCIONE/MARRONE esprime benessere

NERO è segno di protesta

GRIGIO/BIANCO indica poco desiderio a lasciarsi coinvolgere


In ambito alimentare per superare qualche resistenza può essere appunto utile destrutturare la percezione solo visiva di un particolare cibo, integrandola con tutti gli input sensoriali a disposizione di ciascun individuo. L'analisi oggettiva sensoriale del cibo diventa per questo un passaggio fondamentale. 



Ciascun alimento può essere 'studiato' partendo proprio dal gruppo colore, per poi concentrarsi su tutti i sensi: olfatto, tatto, udito...e infine gusto! 




Esempio gruppi:

Alimenti rossi: anguria, ciliegia, fragola, mela, melograno, pomodoro.

Alimenti gialli: ananas, banana, limone, peperone giallo.

Alimenti arancioni: albicocche, arance, carote, melone, zucca.

Alimenti marroni: castagne, cioccolato, mandorle, nocciole.

Alimenti verdi: asparago, broccolo, carciofo, kiwi, pera, piselli, zucchina.

Cosa osservare per ogni alimento?

  • Nome 
  • Forma
  • Superficie al tatto
  • Colore
  • Consistenza
  • Temperatura
  • Odore
  • Rumori particolari
  • Sapore

Solo alla fine della sperimentazione (quando possibile valutando l'alimento sia crudo che cotto) sarà utile chiedere al bimbo cosa ne pensa del prodotto.

Il bambino deve essere accompagnato in questo percorso di stimoli in modo da aiutarlo a capire e verbalizzare il motivo di accettazione o di eventuale rifiuto di uno specifico alimento.

Inoltre la sperimentazione in quanto tale, se vissuta senza ansia ma come un laboratorio giocoso da condividere in famiglia, diventa uno strumento relazionale importantissimo per arricchire il dialogo e la fiducia tra adulto e bambino.



Commenti

Post popolari in questo blog

Oggi Nino non ha fame

La sveglia suonò. Il suono era sempre lo stesso da quando Nino era nato.  Che suono? Il canto del gallo, naturalmente.  Alla mamma di Nino piaceva tanto svegliarsi con qualcosa che le ricordasse la sua infanzia. Era cresciuta in una fattoria d’altronde.  Ogni mattina si avvicinava al lettino di Nino, gli faceva una carezza e apriva la finestra per far entrare i raggi del sole.  - Forza pigrone, è ora di andare a scuola! Sì, Nino era davvero un pigrone.  Aveva proprio ragione sua mamma; lui adorava temporeggiare tra le lenzuola con il sole caldo sul viso.   La colazione lo attendeva a tavola; una super tazza di latte con cannuccia colorata e una fumante brioche al cioccolato.  Quella mattina però, quella brioche, era davvero gigante.  Immensa, grandissima, più grande del tavolo!  Nino fissava sorpreso quell’enorme brioche, incredulo nonostante l’evidenza.  Ma com’era possibile!?  - Dai, Nino mangia in fretta che dobbiamo andare a scuola! - gli disse la mamma.  Fermo immobile e con gli

Polpette di Miglio

Foto di Agnese Libanore - Starlet_eyes Ingredienti: 30 gr di miglio 150 ml di acqua 150 gr di verdure di stagione (es. carote, finocchi, biete) 1 uovo o 100 gr di tofu pangrattato di riso quanto basta 1 pizzico di curcuma 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva Preparazione: Pulite le verdure e cuocete a vapore per 20 minuti. Lavate il miglio e cuocetelo in una quantità di acqua circa il doppio del suo volume, per 15-20 minuti. Lasciate raffreddare poi impastate le verdure cotte e schiacciate, il pangrattato, l’uovo (o il tofu) e la curcuma. Formate le polpette, posizionatele su una teglia e condite con un filo di olio. Lasciate dorare in forno (15 min a 180 °C) oppure su padella antiaderente. Perchè proporlo... Il miglio è un cereale ricco di carboidrati e di proteine. E' aglutinato quindi la ricetta è utile anche per chi deve seguire una dieta priva di glutine. Ben cotto è molto morbido e si adatta bene alla preparazione di polpette dalla consistenza omogenea. La prese

Eccoci finalmente online!

Eccoci finalmente online! Prima di raccontarvi chi é Nino. Dobbiamo fare una premessa. Quante volte i bambini rifiutano di assaggiare un piatto... quante volte non si vogliono sedere a tavola… e quante volte fissano con sguardo disarmato un piatto che vedono troppo pieno? E se smettono completamente di mangiare? O se al contrario cercano continuamente il cibo come senza sentire mai appagamento? Sono richieste di attenzione? Sono capricci? Affermano il loro io? Esprimono un disagio più profondo? Fino a quando è lecito lasciar correre e quando invece è opportuno preoccuparsi? Quali strumenti hanno i genitori per affrontare situazioni di conflitto? Quali sono le figure professionali di riferimento? Le domande sono davvero infinite; sarebbe strano non porsi tutti questi quesiti. Nino nasce per dare importanza al confronto, per non far sentire nessuno da solo. Serve per provare a far cambiare lo sguardo con il supporto di professionisti competenti. Vuole dare conforto e una direzione. Quan